Ex compagni di gruppo hanno calorosamente reso omaggio a George Michael al BRITs

0
56

La cerimonia che ha avuto luogo a Londra ieri sera ha reso omaggio a David Bowie (due volte premiato), Leonard Cohen (nominato) e George Michael, a cui i suoi ex colleghi di Wham hanno dedicato un discorso commovente. Il partner da Wham! Andrew Ridgeley ed ex compagni Pepsi e Shirlie sono saliti sul palco del 02 per condividere i propri ricordi del loro famoso amico che gli manca tanto. “Il giorno di Natale 2016, il più grande cantautore della sua generazione, un’icona della sua epoca e il mio caro amico, George Michael, è scomparso. La supernova era estinta nel fermento delle stelle lucenti, e sembrava che il cielo fosse crollato. Abbiamo camminato un bel po’ e abbiamo riso un sacco, eravamo i migliori amici. Il contributo di George al grande archivio della musica contemporanea rimane al fianco degli immortali. George è rimasto con noi nelle sue canzoni, nella bellezza trascendentale della sua voce e l’espressione poetica della sua anima, il meglio di sé. Lo amavo e reciprocamente, noi, voi, siamo stati amati.’

Ridgeley si ricorda il primo incontro con Michael 40 anni fa. ‘Due ragazzi che hanno avevano lo stesso senso di umorismo, l’amore per la musica motivante alla vita, gli artisti e i record a cui hanno dato la vita, e un sentimento condiviso che noi abbiamo compreso’.

Shirlie Kemp ha ricordato come inviava i primi demo delle canzoni di Wham! alle case discografiche, solo per ritrovarli tutti subito restituiti con le note ‘no, grazie’, fino a quando una giovane casa discografica non ha deciso di dare la possibilità alla band.

Trattenendo le lacrime, ha continuato a dire, ‘George era per me come un fratello. E lo sarà sempre… Suo modo meraviglioso di unire le parole che parlavano a tutti. E la sua bella voce vivrà per sempre come un dono per tutti noi.’ Pepsi DeMacque-Crockett ha detto, -Abbiamo sempre saputo che George era destinato a diventare una stella, perché lo meritava. A me e a Shirley piaceva guardarlo, quanto cantava nei tour. La sua voce era incredibile, perfetta e le sue performance erano affascinanti. La musica ha il potere magico e George se ne rendeva conto.’

LEAVE A REPLY

Login with: 
Please enter your comment!
Please enter your name here