Gli attivisti LGBT marciano per le strade al fine di esprimere la loro solidarietà con i ceceni

0
58

Centinaia di militanti LGBT radunati davanti all’ambasciata russa a Londra questo mercoledì per protestare contro la persecuzione degli omosessuali in Cecenia. Portavano cartelli con slogan come questi: “I diritti LGBT+ sono i diritti umani,” Le vite dei queer contano, chiudete i campi” e una tuba, chiedendo la premier britannica Theresa May di esprimersi a questo proposito. La folla ha occupato tutto il marciapiede fuori dall’Ambasciata molto prima che l’evento dovesse iniziare. Per il momento, quando i fiori di colore rosa erano state poste di fronte all’ambasciata, i manifestanti hanno occupato entrambi i lati della Bayswater Road. Usmann, uno studente di legge dal Pakistan ha detto, “Tutti noi abbiamo bisogno di utilizzare qualsiasi spazio sicuro nel mondo che abbiamo per marciare a nome di quelli che non possono parlare per loro stessi. Non vogliamo che un altro stato pensi ‘oh i ceceni l’hanno fatta liscia.’ Mohammed Ali, uno studente del Bangladesh, ha aggiunto che sperava che questa protesta potesse mostrare al presidente Valdimir Putin che le persone di tutto il mondo si sono schierate contro la persecuzione degli omosessuali. Steve Taylor, il direttore delle comunicazioni per l’Associazione degli organizzatori di Pride Europei e uno degli organizzatori dell’evento ha detto che inizialmente speravano che alla protesta avrebbero potuto partecipare 200 persone.

LEAVE A REPLY

Login with: 
Please enter your comment!
Please enter your name here