A un giocatore di baseball è stato vietato di giocare perché aveva usato la parola che inizia con la F

0
72

I Toronto Blue Jays hanno sospeso il giocatore Kevin Pillar da almeno 2 partite, dopo che lui aveva usato un insulto anti-gay durante la partita. Si dice che Kevin Pillar dei Toronto Blue Jays abbia gridato “frocio” nei confronti del lanciatore degli Atlanta Braves, Jason Motte, dopo che lei ora stato eliminato e ora il giocatore è sotto il controllo della Major League. Shi Davidi di SportsNet ha twittato che i Blue Jays hanno sospeso Pillar da due partite a causa dell’insulto. Su Twitter, Pillar ha rilasciato una dichiarazione chiedendo scusa per le sue azioni, riveolgendosi ai tifosi LGBTQ e dicendo che voleva che lui vuole “essere meglio”. Anche i Blue Jays hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo scusa ai fan e alla comunità LGBT a conto suo. “I Toronto Blue Jays sono estremamente delusi dai commenti fatti da Kevin Pillar seguendo la sua battuta durante il 7° inning della partita di ieri sera. In nessun modo questo tipo di comportamento non è accettato o tollerato, e non è neanche un riflesso del tipo di organizzazione inclusiva che ci sforziamo di fare. Vorremmo estendere le nostre scuse a tutti i fan, Major League Baseball e soprattutto alla comunità LGBTQ. Sappiamo che Kevin è un individuo rispettoso e ha grande carattere, e speriamo che possa imparare da questa situazione e continuare a contribuire in modo positivo ed essere fedele ai nostri valori sul e fuori dal campo”.

LEAVE A REPLY

Login with: 
Please enter your comment!
Please enter your name here