Il rapper bisessuale Lil Peep è morto all’età di soli 21 anni

0
974

Lil Peep, o Gustav Åhr nella vita reale, è stato un rapper statunitense, che si esibiva in un sottogenere emo-rap della musica hip hop. Emo-rap è un sottogenere della musica relativamente nuovo che viene caratterizzato come un mix di ritmo fusion di hip hop e testi profondi, emotivi. Ci sono stati solo pochi artisti degni di nota che si esibiscono in questo genere, come XXXTentacion, Twenty One Pilots e Hollywood Undead. Lil Peep era il più prominente e creativo di loro.

L’album di debutto della stella nascente è stato rilasciato in agosto 2017 e ha subito attratto milioni dei fan che volevano vedere la performance del rapper da vicino. Parallelamente alla sua carriera frenetica, Lil Peep è uscito allo scoperto come bisessuale. Fortunatamente per la giovane star, i fan hanno accolto la notizia con supporto. Tuttavia, negli ultimi giorni una terribile notizia ha scioccato il pubblico. Il giovane rapper, che aveva solo 21 anni, è morto. Sarah Stennett, l’amministratore delegato di First Access Entertainment, che ha collaborato con Peep all’inizio del 2016, ha commentato: “Sono sconvolta e distrutta. Non credo che Peep volesse morire, questo è molto tragico. Lui aveva grandi obiettivi e sogni per il futuro che condivideva con me, il suo team, la sua famiglia e i suoi amici”.

Descrivendo Peep come “estremamente creativo, estremamente intelligente, enormemente carismatico, affascinante e dolce”, Stennet continua a dire che il rapper aveva un’enorme ambizione e la sua carriera era fiorente. Ma c’erano alcuni che dicevano che il rapper soffriva di depressione e ansia e inoltre aveva pensieri di suicidio. Secondo i manager della stella, Lil Peep è presumibilmente morto da un’overdose di droga.

LEAVE A REPLY

Login with: 
Please enter your comment!
Please enter your name here