L’arcivescovo di Canterbury ha paura che la discussione su LGBT nelle chiese potrebbe portare a disastro

0
88
LONDON, ENGLAND - FEBRUARY 15: The Archbishop of Canterbury Justin Welby speaks during the General Synod on February 15, 2016 in London, England. The General Synod considers and approves legislation affecting the whole of the Church of England, formulates new forms of worship, debates matters of national and international importance, and approves the annual budget for the work of the Church at national level. (Photo by Ben Pruchnie/Getty Images)

L’arcivescovo di Canterbury ha sostenuto che la chiesa viene modernizzata troppo presto, ciò può portare alle conseguenze terribili. La Chiesa d’Inghilterra ha dovuto affrontare la pressione dal clero e i parrocchiani liberali per modificare le decisioni incentrate sulle persone LGBT, ma non tutti sono pronti ad accettare tali modifiche, quindi c’è già una divisione nella chiesa. Nel suo discorso al Sinodo Generale questa settimana, l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, ha mandato un chiaro messaggio ai cristiani LGBT – loro sono accolti, supportati, amati da Dio, però se le modifiche si apportano troppo in fretta, si potrebbe distruggere completamente la chiesa”. La gente richiede i cambiamenti radicale. Richiedere i cambiamenti radicali, senza essere a conoscenza delle tradizioni che sostengono e proteggono le strutture di cui facciamo parte, può portare a disastro, tipicamente tramite la divisione. Quello fa paura, piuttosto che dà la speranza, e incoraggia una mentalità da bunker, piuttosto che la volontà di vedere la trasformazione”, ha affermato l’arcivescovo, aggiungendo che è un errore pensare che la chiesa sia in grado di cambiare tutto in un attimo. Però è anche un errore pensare che la chiesa sia contro le modifiche. Essa si muove in avanti, ci sarà un progresso, ma è necessario farlo lentamente, passo dopo passo, per evitare conflitti e divisioni.

LEAVE A REPLY

Login with: 
Please enter your comment!
Please enter your name here